La difesa ambientale

di Maristella P.

La settimana, in Italia, si è conclusa in maniera drammatica e violenta, con gli assalti di Roma, immagine della barbarie e dell’ignoranza di un certo mondo adulto. La settimana precedente, invece, si era chiusa con le immagini giovani di Milano, della ‘Pre-COP Summit’ e ‘Youth4Climate’, contraltare positivo e luminoso degli scontri e delle scorrerie del fine settimana. Sull’onda dell’evento che ha coinvolto i giovani ambientalisti, una studentessa liceale all’anno della maturità, in continuità con la giovane voce dell’ultimo articolo precedentemente pubblicato , riflette sulle tematiche ambientali.

Il cambiamento climatico è un argomento molto attuale, le
cui cause e i cui effetti non sono del tutto compresi, in quanto le
cause del cambiamento climatico hanno origini antiche, motivo
per cui non si possono condannare solo le attività antropiche
attuali, il cui contributo rimane indubbio.
Si parla di crisi climatica e ambientale per indicare il complesso
dei fenomeni che danneggia fortemente l’ambiente e altera il suo
equilibrio.
Ma dovremmo chiederci: come possiamo rendere il mondo più
sano?
A questo punto è fondamentale parlare dell’ importanza della
difesa ambientale.
La difesa ambientale è una campagna volta a trovare un clima di
partecipazione e collaborazione mondiale per poter migliorare
l’ambiente, assumendo atteggiamenti che ci potranno salvare dall’ irreparabile.
Ad esempio, Greta Thumberg, giovane attivista svedese,
conosciuta nel mondo mediatico, il 25 Gennaio 2019 tenne un
discorso molto duro al ‘Forum economico mondiale’ di Davos, per far comprendere che la popolazione dovrebbe provare una sensazione di panico di fronte ai cambiamenti climatici che stiamo vivendo.
Il 4 Dicembre 2018, alla Cop24, Greta spiegò:
“ Ciò che speriamo di ottenere da questa conferenza è di
comprendere che siamo di fronte a una minaccia esistenziale.
Questa è la crisi più grave che l’ umanità abbia mai subito. Noi
dobbiamo anzitutto prenderne coscienza e fare qualcosa il più in
fretta possibile per fermare le emissioni e cercare di salvare il
salvabile”.
In antitesi, i palitologi Mattia Zulianello e Diego Ceccobelli hanno
definito le idee propugnate da Greta Thumberg come una forma
di “egocentrismo teocratico”, il quale si fonda su “l’esaltazione
della vox scientifica”.
Il fatto che la sua protesta del venerdì (Fridays for Future) abbia
attirato l’ attenzione di diverse nazioni, che manifestazioni simili
siano state organizzate in altri paesi e che in Australia migliaia di
studenti siano stati ispirati da Thumberg ad intraprendere lo
sciopero, dimostra come le idee della giovane attivista aiutino a
difendere l’ ambiente e siano utili per tutti.

Dunque, per concludere, si può affermare che la difesa
ambientale può aiutare a trovare un modo migliore di vivere,
produrre, utilizzare le risorse e migliorare l’ambiente, che viene
modificato negativamente da tutti quei fenomeni anomali
prodotti dalle attività antropiche attuali e dalle emissioni dei gas
serra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: