10 aprile 1991: 140 vittime, 140 persone, madri, padri, figli, fratelli e sorelle, strappate tragicamente ai loro familiari, senza un perché, senza un colpevole

di Luchino Chessa

Comunicato stampa del 10 aprile 2022
Come ogni anno i familiari delle vittime della strage del Moby Prince si ritrovano a Livorno per raccogliersi nel dolore proprio e collettivo. Un dolore dei familiari, ma anche di tutti i cittadini che a vario titolo partecipano per non dimenticare.
Non dimenticare serve a mantenere accesa la memoria storica ed a combattere per la verità e giustizia.
È un momento difficile, stiamo uscendo da due anni di pandemia che ha mietuto oltre 160.000 vittime ed abbiamo alle porte una guerra a rischio di diventare globale, in cui non si contano più i morti.
La strage de del Moby Prince ha avuto solo 140 vittime, ma sono 140 persone, madri, padri, figli, fratelli e sorelle, strappate tragicamente ai loro familiari, senza un perché, senza un colpevole.
Per tutto il Paese il 10 aprile 1991 è stato un giorno drammatico. In un colpo solo ha annientato la vita di 140 persone e distrutto quella di 140 famiglie che da trent’anni chiedono di sapere cosa è successo veramente.
La strage del Moby Prince è passata nella memoria collettiva come un banale incidente: la collisione tra un traghetto e una petroliera per una nebbia improvvisa grazie a un comandante distratto. Buio, nebbia, errore umano sono state le prime parole pronunciate da varie autorità. La distrazione per la partita di calcio Barcellona Juventus è stata buttata nel tritacarne dei mass media allo scopo di infangare ancora di più le acque.
Anni di manomissioni, depistaggi, omissioni, prese in giro, di rimestamento in una melma putrida di verità preconfezionate, create ad arte per nascondere qualcosa che quella notte maledetta non doveva emergere.
Ci sono voluti quasi ventisette anni perché la prima Commissione parlamentare di inchiesta ribaltasse le verità processuali del passato.
Altro che nebbia, altro che distrazione del comando del traghetto, altro che morte repentina dei nostri cari! Le verità scaturite dalla prima commissione fanno ancora più male perché hanno messo in evidenza la assoluta mancanza di soccorsi e una vita a bordo del traghetto di ore, atroci ore di sofferenza.
Ora tutto cambia, ma alcuni tasselli dell’intricato puzzle mancano ancora.
Siamo fiduciosi del lavoro che sta portando avanti la nuova Commissione Parlamentare di Inchiesta istituita il 21 maggio 2021 e presieduta dall’Onorevole Andrea Romano.
Vorremmo sapere a che punto sono le indagini che la Procura di Livorno e la DDA della Procura di Firenze, che stanno indagando nel più totale riserbo, mentre attendiamo la sentenza della causa civile della Corte di Appello del Tribunale di Firenze che dovrà esprimersi dopo l’8 maggio.
Non sappiamo se avremo veramente giustizia, ma almeno vorremmo avere una verità appagante.

Luchino Chessa, Presidente Associazione 10 Aprile-Familiari Vittime Moby Prince
Nicola Rosetti, Presidente Associazione 140 Familiari vittime Moby Prince

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: